Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

BLOG

C … COME CYBER

CYBER SECURITY, CYBER ATTACK, CYBER BULLISMO, FENOMENI DI CUI SI SENTE PARLARE SEMPRE PIU’ SPESSO, DIAMOGLI UN SIGNIFICATO 

Cyber – primo elemento di parole composte della terminologia delle tecnologie elettroniche e della fantascienza, con riferimento all’impiego degli elaboratori elettronici e alla cosiddetta realtà virtuale.

Nel gergo comune definiamo CYBER tutto ciò che ha a che fare con Internet e il digitaleLa pandemia iniziata l’anno scorso e purtroppo ancora in corso ha evidenziato le tantissime opportunità del mondo digitale ma anche i grandissimi pericoli.

Smart working, Didattica a Distanza, social, comunicazione digitale ci permettono di mantenere attiva la nostra vita nonostante la pandemia,  ma ci siamo tutelati per i pericoli insiti in questo mondo? Approfondiamone i diversi aspetti.

AZIENDE

Cyber security 2021, il Covid cambia tutto: adesso conta il “fattore umano”.

Lo scenario dominato dallo smart working e dalle incertezze sulla salute favorisce gli attacchi ai dati delle aziende, i ransomware diretti ai manager, le false promesse sui vaccini. Serve investire su difese evolute e lavorare sulla formazione delle persone.

Nel 2021 la cyber security è quanto mai una priorità per le aziende e lo è per un buon motivo: nello scenario attuale, che vede una progressiva digitalizzazione in tutti i settori produttivi, un incidente di sicurezza può provocare danni ingenti a qualsiasi impresa. L’attività di contrasto al cyber crimine, però, non è un settore statico: la declinazione della cyber security è qualcosa che cambia rapidamente e impone un adattamento continuo alle nuove condizioni. Un quadro della cyber security 2021 stato tratteggiato nel corso di un evento (virtuale) che ha visto protagonisti Amy Hogan-Burney, responsabile della Digital Crime Unit di Microsoft, e Craig Jones, General Manager della sezione Cyber Crime dell’Interpol.

Cyber security 2021: che cosa succede con il Covid-19

Uno dei temi affrontati nell’incontro, e non avrebbe potuto essere diversamente, è stato il cambiamento imposto dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del coronavirus nel mondo. Un aspetto che i due esperti hanno analizzato sotto diversi punti di vista.


Se il primo elemento che collega la pandemia al cyber crimine è la (prevedibile) tendenza dei pirati informatici a sfruttare tutti i temi legati al Covid-19 per attrarre potenziali vittime attraverso email di phishing, l’impatto più rilevante del periodo che stiamo attraversando riguarda un altro aspetto, cioè la diffusione di modalità di lavoro in remoto. Un processo che sta interessando tutto il pianeta e che, secondo gli esperti, è destinato a sedimentare anche in futuro, favorendo l’adozione di forme di lavoro “agile” in tutti i settori.

La conseguenza di questa trasformazione, per la cyber security 2021 e degli anni a venire, è un ulteriore allargamento del perimetro delle reti aziendali, che rende obsolete le tradizionali strategie di difesa dai cyber attacchi.

Una rete più estesa e più fragile

Nel nuovo quadro il perimetro evapora e lascia spazio a un ecosistema in cui i dati sensibili dell’azienda fluiscono tra diversi soggetti e in diversi luoghi, rendendo molto più complesso il loro controllo. Dal punto di vista degli esperti di sicurezza, questo si traduce in un indispensabile cambio di strategia, che richiede l’uso di nuovi strumenti e competenze per concentrare l’attenzione sulla protezione del dato ovunque esso si trovi.«Una situazione in cui i lavoratori sono dispersi e non possono più fare affidamento su un luogo fisico che usa sistemi di protezione favorisce l’attività dei pirati», ha spiegato Amy Hogan-Burney. «I cyber criminali si sono adattati rapidamente alla nuova situazione e fanno di tutto per sfruttare le nuove possibilità che offre».

Aziende sempre più sotto pressione

Dai loro punti di osservazione privilegiati Amy Hogan-Burney e Craig Jones confermano che le aziende stanno vivendo un momento particolarmente delicato sotto il profilo della cyber security. Si trovano infatti al centro di una sorta di “fuoco incrociato” estremamente intenso.Da una parte ci sono i cyber criminali “comuni”, che concentrano la loro attenzione con maggiore frequenza sulle imprese. Dall’altra, è aumentato l’attivismo dei cosiddetti gruppi APT (Advanced Persistent Threat), team di pirati informatici che lavorano per conto di servizi segreti e governi stranieri, interessati alla raccolta di informazioni sensibili, al furto di proprietà intellettuale e anche a condurre azioni di sabotaggio attraverso i loro cyber attacchi. Entrambi i fenomeni, negli ultimi mesi, sono cresciuti sia in termini quantitativi che qualitativi.

Uno dei pericoli maggiori, per quanto riguarda la cyber security delle aziende, rimane quello rappresentato dagli attacchi ransomware. L’attività dei pirati, però, viene declinata in maniera diversa. In origine la tecnica prevedeva la “presa in ostaggio” dei dati aziendali attraverso sistemi di crittografia per estorcere un “riscatto” in cambio della chiave per recuperare i dati. Oggi, invece, la leva più efficace a disposizione dei pirati è rappresentata dalla minaccia di diffondere le informazioni rubate, creando un conseguente danno alle aziende.In alcuni casi sta prendendo piede anche un modus operandi che mira a sfruttare gli attacchi informatici per recuperare informazioni personali di dirigenti e figure di spicco dell’azienda per poterle ricattare personalmente e indurli a cedere al pagamento del riscatto. Il contrasto di queste tecniche richiede strumenti specifici e (soprattutto) una formazione specifica per tutti i lavoratori dell’azienda che consenta di mitigare il rischio di attacchi che prendano di mira le informazioni personali.

Cyber security, attacchi in aumento in Italia

I dati appena pubblicati dall’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection della School of Management del Politecnico di Milano, confermano questi trend. Nel 2020 in Italia il 40% delle grandi imprese ha registrato un aumento degli attacchi informatici rispetto al 2019. E la causa primaria è la diffusione improvvisa e capillare del remote working e del lavoro agile, l’uso di dispositivi personali e reti domestiche, il boom delle piattaforme di collaborazione, che hanno aumentato le opzioni di attacco.Inoltre, solo nel 41% delle imprese la gestione della cyber security è affidata ad un CISO formalizzato, nel 25% è in capo al CIO, nel 13% ad un CSO o security manager, mentre nei restanti casi è in mano ad un’altra figura aziendale (19%) o non esiste una figura dedicata (2%).L’impatto economico della pandemia ha anche costretto il 19% delle imprese italiane a fronteggiare le aumentate sfide di sicurezza con budget ridotti. Solo il 40% li ha aumentati (era il 51% nel 2019). Ma oltre un’impresa su due (54%) è consapevole che serve investire in tecnologie e aumentare la sensibilità dei dipendenti sulla cyber security e la protezione dei dati.

L’importanza del fattore umano

Il trend per il 2021, in buona sostanza, configura uno scenario in cui le minacce informatiche sono destinate a crescere adottando tecniche sempre più raffinate e sempre più concentrate su strategie basate sul social engineering. La contromossa indispensabile, di fronte a questo scenario, è quella di investire su strumenti di protezione evoluti e, soprattutto, sulla formazione dei lavoratori.
Attacchi come quelli basati sulla promessa dei vaccini per il Covid-19, che fanno leva sulla sfera privata dei dipendenti, sono destinati a crescere esponenzialmente. Di fronte al fenomeno di evaporazione di quel confine che divide sfera pubblica e sfera lavorativa, questo tipo di minacce sarà sempre più rilevante. Una sfida che interessa tutti e che richiede una prospettiva di medio-lungo termine per consentire di arginare gli attacchi dei cyber criminali.

BULLISMO

7 FEBBRAIO – Giornata nazionale cyber bullismo, dall’Unicef una guida per i genitoriI dati di diverse agenzie confermano che l’uso sempre più massiccio dei media digitali espone i giovani a pressioni, ricatti e molestie realizzate per via telematica. Sul sito di Unicef Italia una guida rivolta alle mamme ed ai papà
Mai come quest’anno la Giornata nazionale contro il bullismo e cyber bullismo, che si celebra il 7 febbraio, accende i riflettori su un’emergenza sempre più pressante e diffusa.

Abuso dei media digitali

La pandemia ha infatti accentuato un uso spasmodico dei media digitali da parte dei giovani, alimentato dall’isolamento sociale dovuto alle misure restrittive adottate per combattere la pandemia di Covid 19. Personalità in fase di strutturazione si sono trovate più esposte a forme di manipolazione e a volte, di vessazione, condotte attraverso i social e i dispositivi digitali. Va inoltre considerato il crollo di ogni confine tra reale e virtuale, perché quello che succede sul digitale si riverbera a gran velocità nella vita reale.

Fenomeno globale: in aumento le vittime

Si tratta ovviamente di un fenomeno globale. Secondo gli ultimi dati Unesco, diffusi dall’Unicef alla vigilia della Giornata e provenienti da indagini condotte in Paesi industrializzati, la percentuale di minorenni che ha sperimentato cyberbullismo varia tra il 5% e il 20% della popolazione minorile, con conseguenze psicofisiche. L’agenzia dell’Onu per l’infanzia sottolinea poi che coloro che hanno sperimentato episodi di bullismo o cyberbullismo hanno i maggiori probabilità di sviluppare difficoltà relazionali, di sentirsi depressi, soli, ansiosi, di avere scarsa autostima o di sperimentare pensieri suicidi. L’Unicef conferma inoltre che l’aumento del cyberbullismo è collegato alla rapida espansione dell’accesso di bambini e ragazzi ad internet: nel 2017 circa il 70% della popolazione mondiale tra i 15 e i 24 anni risultava connessa ad internet e dai dati provenienti da 7 Paesi europei, la percentuale di bambini e adolescenti tra gli 11 e i 16 anni esposti a cyberbullismo è aumentata tra il 2010 e il 2014 passando dal 7% al 12%.

La situazione in Italia

In Italia l’ultima indagine ISTAT ha evidenziato che questi fenomeni,ur essendo diffusi e trasversali, registrino numeri più elevati di vittime nelle zone maggiormente disagiate e che le ragazze presentino percentuali di vittimizzazione superiori rispetto ai ragazzi così come gli stranieri rispetto ai giovani italiani. Poco più del 50% degli 11-17enni partecipanti all’indagine, aveva ha subìto qualche episodio offensivo, non rispettoso o violento da parte di coetanie nei 12 mesi precedenti al sondaggio e sempre nello stesso arco di tempo, il 63,3% dei ragazzi e adolescenti ha dichiarato di essere stato testimone di comportamenti vessatori.

Pace (Unicef): attenti ai cambiamenti di umore“Ricorre la Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, a seguito di un anno in cui i bambini e giovani, a causa della pandemia da COVID-19, hanno trascorso online un numero elevato di ore per continuare a studiare e socializzare”, spiega in una nota Carmela Pace, presidente dell’Unicef Italia. “Come Unicef Italia, abbiamo realizzato la guida ‘Genitori e il Fattore Protettivo – prevenire il cyberbullismo’ – prosegue Pace – per parlare di questo fenomeno in famiglia, perché riteniamo importante che i genitori imparino a riconoscere i segnali di pericolo e quindi essere attenti a eventuali cambiamenti di umore o del comportamento dei propri figli”. “Attraverso questo strumento però vogliamo raccomandare anche di non demonizzare i nuovi media e rassicurare sul fatto che parlarne con una persona di fiducia significa poter essere tutelati e intervenire tempestivamente a difesa del rispetto della propria persona e della propria salute fisica e mentale” conclude la presidente di Unicef Italia.

I suggerimenti della guidaLe famiglie posso scaricare la guida sul sito unicef.it nella sezione diritti dei bambini. Lo strumento ha lo scopo di “promuovere una genitorialità positiva, un dialogo aperto in famiglia e insegnare un uso responsabile dei nuovi media, al fine di riconoscere e prevenire il cyber bullismo”. Tra i suggerimenti per i genitori, una proposta di 6 regole base da istituire in famiglia: non condividere nomi utente o password; non fornire informazioni personali in profili, chat room e altri forum; astenersi dall’inviare foto personali o inappropriate di sé; non rispondere a messaggi minacciosi e informare immediatamente un adulto; spegnere il proprio dispositivo se viene visualizzato un messaggio minaccioso; non cancellare eventuali tracce sui social o nelle chat.

Articolo tratto da:https://www.digital4.biz/executive/innovation-management/cyber-security-2021-covid-cambia-tutto-conta-il-fattore-umano/https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2021-02/italia-giornata-nazionale-cyber-bullismo.html

Categorie

Articoli correlati

Informazioni

Rendita

Quanto ti serve per mantenere la tua indipendenza economica anche in caso di non autosufficienza? Consideriamo che una casa di riposo costa mediamente €3.000/mese, una RSA €2.700/mese e una badante incide mediamente per 1.850€/mese più vitto e spese. Richiedi una consulenza personalizzata.

Informazioni

Premio

II welfare consente di abbattere il cuneo fiscale e prevede diversi vantaggi rispetto all’acquisto individuale, come ad esempio:

  • costo notevolmente più basso
  • nessuna selezione medica
  • garanzie fortemente percepibili dai Dipendenti Richiedi una consulenza personalizzata.

Informazioni

Assistenza

La Salute e il Benessere si confermano al centro delle priorità delle persone e delle comunità, non solo per i senior, ma anche per i più giovani. Lo Stare bene e il sentirsi in forma sono elementi imprescindibili per avere fiducia e slancio, con una nuova energia e impulso alla vita.

Immagina Adesso Salute & Benessere propone una soluzione assicurativa completa ed evoluta con servizi e tutele per qualsiasi imprevisto legato alla salute. I suoi principali punti di forza sono:

  • è ricco di opzioni e servizi – dalla prevenzione alla cura anche grazie a check up specialistici periodici e personalizzati
  • è su misura e alla portata di tutti – dal rimborso spese completo a formule di protezione più specifiche come per le cure oncologiche. Inoltre può assicurare indennizzi e rendite vitalizie in caso di ridotta capacità lavorativa a seguito di infortunio o malattia
  • dà più protezione quando più serve – con l’opzione a vita intera la salute diventa davvero senza scadenza
  • orienta e indirizza verso il proprio benessere – consulenze personalizzate assistono il cliente nel migliorare la sua salute e il suo stile di vita, dal medico al nutrizionista
  • è sempre accessibile – tramite app è facile accedere al consiglio medico, alla ricerca di una struttura sanitaria convenzionata o all’inoltro di un rimborso sanitario

Informazioni

Assistenza

I servizi di Prevenzione e Assistenza, sempre inclusi, prevedono in caso di emergenza un pronto intervento di artigiani specializzati (idraulico, elettricista, fabbro, risanamento e asciugatura dell’abitazione a seguito di un danno d’acqua, vetraio) e un pronto intervento per contenere i danni (trasferimento di mobili, trasloco, invio di un sorvegliante, spese di albergo, impresa di pulizie, rientro anticipato dell’assicurato in viaggio). E’ previsto inoltre l’invio di un tecnico riparatore di elettrodomestici, di un termoidraulico o di un tapparellista come anche di un/una colf.
Potrai anche seguire a distanza la casa ponendo in essere azioni di prevenzione. Il Kit autoinstallante prevede un‘unità centrale e dei sensori che attivano diversi servizi quali la gestione di allarme d’acqua, fumo, movimenti, assenza corrente elettrica. Attraverso App dedicata è possibile inquadrare da remoto l’ambiente su cui è posta la telecamera o monitorare lo stato dei sensori. Infine, un pulsante posto sulla centralina, “SOS Button”, permette di chiamare direttamente la Struttura organizzativa.

Informazioni

Assistenza

Per il servizio di Prevenzione e Assistenza, è possibile scegliere fra:

Assistenza Cucciolo Start con la consulenza veterinaria e di un nutrizionista, il servizio di segnalazione di un Pet Sitter e l’eventuale invio, la segnalazione di Centri/Cliniche veterinarie in Italia, di pensioni e di scuole di addestramento e inoltre, prima di mettersi in viaggio, informazioni veterinarie dei luoghi Pet-friendly.

Assistenza Cucciolo Plus che integra le prestazioni presenti in Start e, per l’animale identificato, offre la Second Opinion veterinaria e servizi in caso di smarrimento del proprio amico a quattro zampe con il recupero dell’animale domestico ritrovato e la segnalazione avvistamenti.

Cucciolo In Touch è la soluzione che permette di tenere il proprio cane o gatto sempre sotto controllo. Il sensore legato al collare del nostro animale permette di attivare vari servizi. Cerca Animale per attivare la modalità di ricerca della singola posizione dell’animale. Live Tracking per tracciare la direzione dell’animale. Recinto Virtuale per selezionare un’area sulla mappa – il recinto virtuale – all’interno della quale si desidera monitorare l’uscita o l’entrata dell’animale. Il monitoraggio dell’animale per conoscere le informazioni relative all’attività dello stesso calcolando indicativamente anche le calorie che potrebbe aver consumato. Il pulsante SOS Button permette di inviare la posizione geolocalizzata dell’animale.

Informazioni

Capitale

Quale danno economico causerebbe la tua prematura scomparsa alla tua famiglia? alla tua Azienda? alle persone che ami? il capitale di 50.000€ è solo un’ipotesi, parliamone insieme. Richiedi una consulenza personalizzata.

Informazioni

Premio

A fronte di un premio versato per una durata limitata nel tempo che decidi tu, in caso di non autosufficienza una rendita rivalutabile che dura per tutta la vita